Loading...
Home / Segis Mag / 8 DOMANDE a Archirivolto Design

8 DOMANDE a Archirivolto Design

 

 

 

Con un’attivita’ di oltre 30 anni, Archirivolto Design e’ quasi un sinonimo di design della sedia. Il loro obiettivo e’ di “rendere accessibile la bellezza”. Incontriamo il Senior Designer Cristian Gori per parlare delle loro due nuove proposte: le sedute To-Be e i tavoli Stay-On, presentata durante l'ultima Milano Design Week.

 

Archirivolto esplora le sedie, come concetto, da molto tempo. C'è ancora qualcosa di nuovo da dire?

Decisamente. Il modo in cui ci sediamo cambia continuamente. Dobbiamo fornire nuovi concetti e nuove forme per soddisfare nuove esigenze.
Ad esempio, oggigiorno ci sediamo in ufficio come faremmo a casa nostra. Questo e’ nuovo. La vita è cambiamento e le sedie sono parte della vita.
E poi noi siamo appassionati di sedie: questo non c'è bisogno di dirlo!

 

 

 

Come è nata To-Be?

To-Be è una collezione di sedute appositamente progettate per il contract.  Varietà, sia per quanto riguarda le forme che le finiture, è la parola chiave.
Il mondo del contract ha bisogno di sedie in grado di resistere alla prova del tempo, non solo fisicamente ma anche stilisticamente. Quindi il design doveva essere in qualche modo familiare ed, in conclusione, senza tempo.

 

 

 

La tua versione preferita?

La prossima! Aspettate e vedrete! Ah ah!

 

 

Cosa rende Segis così speciale? 

Le battute di Franco. Ah ah! Siamo molto vicini. Parliamo molto. Ecco come è nato To-Be, attraverso il dialogo e la presenza costante. Immagino che si possa definire sinergia.

 

Puoi scegliere un qualsiasi personaggio storico o inventato e farlo sedere su To-Be - chi scegli?  

L'Incredibile Hulk. C'è bisogno di dire altro? 

 

(The Incredible Hulk © Marvel Entertainment - for illustrative purposes only)

 

Parliamo dei tavoli Stay-On. Qual è stata l'ispirazione dietro la collezione?

La collezione è nata con un obiettivo molto chiaro: un sistema di tavoli per il contract. Quando abbiamo immaginato Stay-On, pensavamo ai centri commerciali come paesaggio ideale. Quindi doveva essere questo tipo di design universale, qualcosa che può apparire ovunque nel mondo.

 

 

Quanto  è importante avere oggetti "poetici" intorno a noi, oggi?  

È molto importante. La base di Stay-On regala questa sensazione bellissima e provocatoria, come una mano che tocca delicatamente una superficie, solo con la punta delle dita. Questa impressione poetica è stata progettata, naturalmente e, ancora una volta, eravamo consapevoli del fatto che stavamo creando un oggetto per il mondo del contract.

 

 

Diciamolo: i tavoli possono essere sexy. Sei d'accordo?

Non potrei essere più d'accordo. Se posso fare una battuta, siamo stati tutti contenti di fornire a Stay-On delle gran belle gambe!
Seriamente, nel caso di Stay-On si può sicuramente sentire un'essenza femminile, grazie al fatto che è stato progettato in un ambiente molto vario e inclusivo, con 15 persone che hanno contribuito al risultato finale.

 

 

Per quanto riguarda Stay-On, quale personaggio storico o inventato ti immagini mentre si gode uno spuntino?  

 Mi vengono in mente le scene de La Grande Abbuffata. Mi piacerebbe vedere Stay-On in quel film!

 

 

 

Richiedi Informazioni
Per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile nel nostro sito Web utilizziamo cookie, anche di terza parte. Continuando la navigazione dichiari di accettare e acconsentire all'utilizzo dei cookies in conformità con i termini d'uso espressi. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze consulta la nostra Informativa Privacy.